Domo Adoption Plan – Parte 2

 In Domo

Il presente articolo segue da Domo Adoption Plan – Parte 1 e va a trattare i restanti punti cardine del Data Maturity & Adoption (DMA) Framework di Domo; come si anticipava nella prima parte infatti, Domo ha pubblicato un documento tramite il quale definisce le best practice dell’adozione dello strumento, affinché si possa creare un efficiente e duraturo progetto di Data Visualization.

4. PEOPLE: Key Roles

Massimizzare il numero di utenti che utilizzano lo strumento e assegnare coerentemente i ruoli chiave con le competenze di ciascuno è un punto cruciale nella determinazione del successo del progetto.

Allo stesso modo dei ruoli di una squadra sportiva professionista, le varie figure del progetto Domo devono collaborare affinché sia possibile raggiungere il successo:

Ruoli chiave di un progetto in Domo

Ruoli chiave di un progetto in Domo

  • Primary Executive Stakeholder: è colui che sostiene il progetto a livello esecutivo, stabilisce gli obiettivi e controlla i progressi del progetto. Gestisce gli eventuali ostacoli, come vincoli di budget o limitata disponibilità di risorse.
  • Program Owner: gestisce le performance di Domo ed evangelizza i suoi successi, oltre a chiarificare la strategia di business allineando le iniziative con gli obiettivi. Sviluppa inoltre relazioni con gli esecutivi coordinando i progetti.
  • Analyst & Domo Expert: collabora con i team per scegliere i migliori output per le rappresentazioni dei dati, ricontrolla i dati e le dashboard, sviluppa e assegna i training per gli utenti e si occupa della gestione di gruppi e utenti all’interno di Domo.
  • Data System SME: aiuta a risolvere i problemi relativi alla cattiva qualità dei dati, si occupa di fare rispettare le policy di sicurezza dei dati e assegna i permessi di accesso degli utenti.
  • Advocate & Power User: è colui che valorizza la piattaforma nell’attività dei team, rispondendo a dubbi su dati e sull’utilizzo di Domo, lavorando a stretto contatto con l’Analyst & Domo Expert per insegnare ai membri dei team come utilizzare Domo.

L’ultimo punto riguardante le persone riguarda la struttura dei team: i due approcci più comuni sono quello a modello centralizzato e quello cosiddetto hub & spoke: il primo offre più standardizzazione e controllo in quanto è tutto gestito in collaborazione col team centralizzato, mentre il secondo è caratterizzato da più flessibilità ed autonomia poiché in ciascun gruppo vi è il relativo Analyst.

 

Struttura centralizzata e Hub & Spoke di Domo

Struttura centralizzata e Hub & Spoke di Domo

La scelta del tipo di orientamento dipende dalla struttura organizzativa dell’azienda e dai suoi obiettivi strategici.

5. PROCESS: Data Quality Management

Un altro punto cardine del Framework di Adozione è la gestione della qualità dei dati. In primo luogo è fondamentale capire qual è la qualità dei dati prima che vengano caricati in Domo ed eventualmente intervenire.

Di seguito i fattori che determinano dei dati di qualità, in grado di fornire realmente degli insights.

I fattori che determinano dati di qualità

 

Per gestire la qualità dei dati in maniera efficace è raccomandabile concentrare gli sforzi su questi temi:

 

6. TECHNOLOGY: Alerts & Management by Exception

È importante infine sviluppare una strategia di alert mirati e significativi per monitorare e rispondere adeguatamente a eventuali problemi in breve tempo.

Management by Exception con Domo

Adottare una nuova tecnologia come Domo può inizialmente sembrare difficile, considerando che implica molti cambiamenti, sia a livello operativo che organizzativo; comunque, con una corretta e attenta pianificazione delle sei aree descritte, è possibile stabilire una solida base per diventare un’azienda data-driven. Domo ha già aiutato grandi aziende e multinazionali di tutto il mondo a giungere a questo obiettivo e continua ad essere fondamentale per rispondere alle continue domande di business.

Per concludere, con la citazione d’obbligo in questi casi, la leggendaria star del basket Michael Jordan disse: “alcuni vogliono che succeda, altri desiderano che succeda e altri fanno in modo che succeda”.  Il perseguimento del grande obiettivo passa attraverso la scelta di cambiare finalmente il modello concettuale di come fare business.